Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_santiago

“Moebius”, Opera da Camera

Data:

27/08/2016


“Moebius”, Opera da Camera

“Moebius”, Opera da Camera.

Introduzione
Il progetto è stato vincitore del concorso 2015 del "Fondo de Fomento de la Música Nacional" del Governo Cileno, che consiste nella creazione e messa in scena di una performance interdisciplinare, coinvolgendo la composizione di musica, l'allestimento scenografico, la creazione di un testo, un libretto e la spazializzazione del suono, così come del movimento degli interpreti e dei componenti della scenografia.

Tema
L'argomento dell'Opera sono le esperienze, ricordi, speranze e paradossi che il fenomeno dell'immigrazione rappresenta oggi per qualunque gruppo umano, costretto o motivato a lasciare le proprie origini, intese non solo come radice geografica ma anche a livello di lingua, visione del mondo, certezze e progetti. Tristemente messa in primo piano dopo i tragici avvenimenti nelle acque del mare Mediterraneo, questa tematica richiama non solo l'attenzione verso i popoli africani o sudamericani che tentano l'arrivo in Europa, ma stabilisce un legame storico in qualche modo commemorativo, con le peripezie degli Spagnoli verso il Perù, degli Italiani negli Stati Uniti, dei Turchi in Germania, ecc. In tutti questi casi, i protagonisti del viaggio scoprono che, come raffigurato dai personaggi dell'Opera, dopo aver superato tante sfide, il risultato sarà una storia inaspettatamente tessuta e improbabile.

Strategia
L’intreccio gioca non solo con l'aspetto biografico dei 2 protagonisti giacché, trattandosi di un progetto di ricerca sulla creazione artistica nei diversi linguaggi, affronta il processo compositivo tramite una matrice interdisciplinare che collega aspetti dello spazio architettonico con il movimento di un personaggio, oppure la texture musicale di un ensemble musicale con la sintassi del testo cantato, la sua grammatica, i tempi verbali e le lingue (richiamando alle lingue spagnola, italiana, francese e inglese). La strategia costruttiva è quella di concepire l'Opera come proposta multidimensionale, e come tale prende spunto dalla metafora geometrica degli spazi a quattro dimensioni. È questo appunto il modo in cui la multiforme storia dell'immigrazione sarà interpretata, ricostruita e raccontata in chiave contemporanea.

Artisti
L’allestimento scenografico, su un’idea originale del compositore, è stato commissionato all'artista Italiana Laura Bisotti, nata a Piacenza e stabilita a Bologna, appena dichiarata vincitrice del prestigioso Premio San Fedele di Milano di Arti Visive, premiata anche dalla Real Academia de España en Roma, la Fondazione BilbaoArte e la Slade School of Fine Arts di Londra, per citarne alcuni.

La direzione musicale è stata affidata al Maestro José Luis Domínguez, direttore residente dell’Orchestra Filarmónica de Santiago dal 2003 e Direttore Titolare dell’Orchestra Sinfónica Nacional Juvenil. Il Maestro Dominguez ha condotto numerose rappresentazioni operistiche, anche contemporanee, essendo direttore invitato in Spagna, Germania, Argentina e Centroamerica. Nel 2003 ha lavorato con Gustavo Dudamel e le orchestre giovanili del Cile e del Venezuela.

Gli interpreti di questo progetto sono la Soprano Lirica Pamela Flores, nota per la sua recente comparsa nel film di Alejandro Jodorwsky “La Danza de la Realidad”, insieme alla Soprano Spinto Nancy Gómez, spiccato talento specializzato nella musica vocale moderna e contemporanea. Gli strumentisti appartengono all’Orchestra Sinfónica Nacional Juvenil del Cile.

Il compositore e direttore del progetto, Manuel Contreras Vázquez, vive e lavora in Italia dopo essersi diplomato al Conservatorio di Milano e all’Accademia di Santa Cecilia a Roma. È stato premiato da numerose istituzioni ed ha presentato la sua musica in posti così diversi come Roma, Madrid, Parigi, Milano, Weimar, Berlino, Darmstadt, Santiago del Cile, Santiago de Compostela, Antofagasta, ecc. Le sue composizioni sono state pubblicate in Italia da Suvini Zervoni e Edizioni Sconfinarti.

 

Informazioni

Data: Sab 27 Ago 2016

Orario: Alle 20:00

Organizzato da : Parque Cultural Valparaíso

In collaborazione con : IIC y Embajada de Italia

Ingresso : Libero


Luogo:

Valparaíso, Parque Cultural, Calle Cárcel 471

841